ScandicciToday

Scandicci, mense scolastiche e grande quantitativi di cibo gettati via tutti i giorni

La denuncia arriva da Alessandro Martini del Nuovo Centrodestra e da Giovanni Surace dell'Udc. "Troppo il cibo sprecato nelle mense scolastiche di Scandicci" sottolineano i due puntando il dito contro l'amministrazione comunale

Dura denuncia di Alessandro Martini consigliere del Nuovo Centro Destra e di Giovanni Surace dell'Ucd, sulle mense scolastiche e sui grandi quantitativi di cibo che tutti i giorni sarebbero buttati via.

“E' diseducativo e immorale – spiegano Alessandro Martini (Nuovo Centrodestra) e Giovanni Surace (Udc) - tutto il cibo buttato nei cassonetti. Con una maggiore oculatezza gli sprechi si potrebbero ridurre e così anche il costo a carico delle famiglie della refezione scolastica”.

“Troppo il cibo sprecato nelle mense scolastiche di Scandicci” continuano Martini e Surace che puntano il dito contro la gestione che l’amministrazione fa delle mense cittadine.

I due politici sottolineano che questi sprechi sono ancor più disdicevoli in un periodo di disagio sociale come questo. “Vedere gettare nei cassonetti della raccolta dei rifiuti carrelli pieni di cibo proveniente dalle mense scolastiche costituisce un qualcosa di moralmente deprecabile, diseducativo ed è una prova tangibile di una gestione sprecona della refezione scolastica”.

Il costo del servizio di refezione scolastica rappresenta “un vero e proprio salasso per molte famiglie”. A Scandicci i costi per pasto vanno dai 4,25 euro per un reddito ISEE fino a 32.500 euro ai 4,40 per redditi oltre i 32.500 euro.

Se si prende ad esempio una famiglia con 2 figli con un reddito ISEE di 33.000 euro è facile calcolare come annualmente una buona percentuale di reddito va destinato per la “sola refezione scolastica”.

“Possibile che non si riesca a calibrare le quantità della refezione con le reali necessità alimentari ed evitare una così alta percentuale di cibo di scarto?” si domandano Martini e Surace.

“Non è possibile chiudere gli occhi dinanzi a simili situazioni - concludono Alessandro Martini (NCD) e Giovanni Surace - è necessario rivedere la gestione delle mense scolastiche, eliminando questi gravi sprechi alimentari e riducendo in tal modo i costi a carico dei cittadini. Il Sindaco e l'Assessore di riferimento hanno verosimilmente altri problemi. Il nostro parere è che la città reale fatta di problematiche concrete resta fuori dal 'palazzo'”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Sylvie Lubamba: “Sono in crisi, ho chiesto il reddito di cittadinanza" 

  • 'Miss Nonna Italiana 2019': premiata anche una fiorentina

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento