ScandicciToday

Ex Electrolux incontro in Regione Toscana

Un incontro che arriva dopo una settimana di proteste da parte dei lavoratori e dopo una lettera aperta indirizzata al governatore della Toscana

Nuovo incontro in Regione Toscana sulla Ex Electrolux di Scandicci. Al tavolo saranno presenti oltre all'assessore regionale al lavoro Gianfranco Simoncini, al Sindaco di Scandicci Simone Gheri, anche i sindacati ed i lavoratori.

Una riunione per fare il punto della situazione e cercare di dare risposte ai 172 lavoratori che secondo le ultime notizie non rientrerebbero nemmeno negli ultimi rifinanziamenti della cassa integrazione.

L'incontro si svolge dopo che la scorsa settimana i lavoratori al termine dell'assemblea hanno occupato pacificamente la sala del consiglio comunale di Scandicci ed hanno inviato una lettera aperta al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

“Si è finito da poco- spiega Franco Nigi Fiom Cgil – con l'impegno di tutti a portare di nuovo la questione Isi a livello ministeriale. Per la cassa integrazione siamo fuori. C'è bisogno da parte del governo Letta una scelta coraggiosa non sull'acquisto degli F35 e della guerra, ma seri fondi e politiche per il lavoro. Non ce la facciamo più”.

Al tavolo oltre all'assessore regionale Simoncini erano presenti anche il presidente della Provincia  di Firenze Andrea Barducci, il sindaco di Scandicci Simone Gheri.

L’assessore Simoncini durante l'incontro ha ricordato il lavoro che la giunta sta facendo per mettere a punto uno strumento di microcredito, che consentirà ai lavoratori che lo vorranno, tramite un fondo di garanzia, di accedere a prestiti per fare fronte all’emergenza, i cui interessi saranno a carico della Regione. Presto il consiglio regionale stanzierà 5 milioni che dovrebbero poter consentire l’operatività entro il prossimo settembre.

La Regione Toscana, inoltre, sosterrà e rilancerà la richiesta dei sindacati di riaprire il tavolo nazionale presso il ministero del Lavoro per fare il punto sulla vicenda.

A Roma dovrà essere affrontata anche la questione del diritto alla mobilità, da cui oggi sono esclusi circa 120 lavoratori e per cui si sollecita una soluzione.

Altro punto su cui la regione ha assicurato il suo impegno è la formazione. L’assessore ha annunciato che convocherà le aziende del settore pelletteria che sono sul territorio di Scandicci e le associazioni di categoria per informarle della possibilità di usufruire di una “dote” pari a 12 mila euro per ciascun lavoratore, messa a disposizione dalla Regione per le imprese che assumono lavoratori ex Electrolux. Si tratta in particolare di un mix di incentivi all’assunzione per 8 mila euro, cui si aggiungono 3 mila euro per la formazione e sgravi sull’imponibile Irap.

Unico assente il presidente Rossi come spiega Franco Nigi della Fiom Cgil Firenze “Avevamo invitato anche il presidente Rossi non è venuto e non ci ha nemmeno risposto. Qui c'è bisogno di capire o si ava avanti seriamente oppure siamo fuori, basta saperlo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Sylvie Lubamba: “Sono in crisi, ho chiesto il reddito di cittadinanza" 

  • 'Miss Nonna Italiana 2019': premiata anche una fiorentina

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento