ScandicciToday

Fallani: "Riflettere prima di trasferire la sede Inps di Scandicci"

Il sindaco scrive al presidente Minelli e lo invita a fare un sopralluogo negli uffici di Via Baccio da Montelupo per toccare con mano la situazione

Il sindaco di Scandicci Sandro Fallani scrive al Presidente del Comitato Provinciale di Firenze dell'Inps Francesco Minelli, invitandolo a riflettere su trasferimento degli uffici nel 4 quartiere a Firenze. La lettera è stata scritto dopo che il primo cittadino è venuto a conoscenza della decisione di trasferire l'Inps da via Baccio da Montelupo nel quartiere fiorentino dell'Isolotto. Nella lettera Fallani invita anche il Presidente Minelli a visitare l'attuale sede di Casellina per toccare con mane le esigenze degli utenti e valutare l'impatto ed i disagi che questa decisione potrebbe comportare.

Egregio Presidente – si legge nella lettera – siamo venuti siamo venuti a conoscenza dell’avvio del percorso per il trasferimento dell’Agenzia Inps di Scandicci da via Baccio da Montelupo a via Modigliani, nel territorio comunale di Firenze”.

Una lettera in cui Fallani dice di condividere “il principio della salvaguardia delle risorse pubbliche e del massimo risparmio della spesa” ma esprime anche la preoccupazione di questo trasferimento soprattutto in merito ai disagi che potrebbe provocare.

Il bacino di utenza della Sede Inps di Via Baccio da Montelupo non sono solo gli scandiccesi, ma anche i residenti dei comuni limitrofi come Signa e Lstra a Signa.

“Si tratta di persone in prevalenza anziane, - continua la lettera - talvolta con difficoltà negli spostamenti, che avrebbero il vostro servizio ben più lontano di adesso. La invito ad incontrarci e a investire un’ora di tempo per recarci assieme sia all’agenzia di via Baccio da Montelupo che alla sede fiorentina da voi individuata in via Modigliani; potremmo così renderci conto personalmente delle esigenze degli utenti e dei tempi necessari per raggiungere i due luoghi”.

Una lettera in cui però il primo cittadino di Scandicci, esprime rammarico “ per non avere ricevuto alcuna comunicazione, seppur non formalmente dovuta e per non essere stato coinvolto in una decisione riguardante un servizio così importante per i cittadini”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Sylvie Lubamba: “Sono in crisi, ho chiesto il reddito di cittadinanza" 

  • 'Miss Nonna Italiana 2019': premiata anche una fiorentina

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento